Piadina e Saraghina

Per i 25 anni di “Osterie d’Italia”

“Osterie d’Italia” di Slow Food è la più popolare guida fra gli amanti delle tradizioni enogastronomiche del nostro Paese. Quest’anno ha compiuto i suoi primi 25 anni e, per festeggiarli, sono stati chiamati anche i piatti dell’Osteria del Gran Fritto di Stefano Bartolini.

10533036_10152113422461986_1210684656652427762_n

Ricetta: Sgombro sott’Olio

Stefano ricorda quando il babbo Marcello attaccava le togne alla barca. Bastava un chiodo. Abboccavano all’amo sgombri bellissimi, grandi … intatti. Nelle cucine della Buca oggi Gregorio Grippo li mette sott’olio, proprio come si faceva una volta. Buonissimi!

18a2c15bbbe0c70e96783ea5c67dc665

Al Ristorante La Buca, la “Marca di San Michele”. Il Verdicchio

Il Verdicchio. A dispetto del “nomignolo” e di tutta la quantità che, se richiesta, riesce a produrre, è un vitigno in grado di dare vini austeri, longevi, ricchi e complessi come pochi altri. Nonostante la nomea di vino popolare e di bassa qualità, senza “la strada spianata” dei grandi vitigni internazionali, ha saputo capovolgere i pregiudizi e affermarsi in un panorama tutt’altro che aperto ed accogliente.

Rombo in Crosta di Patate

Ricetta: Rombo in Crosta di Patate

Nei fuori menù dell’Osteria del Gran fritto di Cesenatico e di Milano Marittima, spesso in questi giorni possiamo trovare il Rombo in Crosta di Patate. Un classico della cucina di mare dell’Adriatico. Sapori diretti e lineari. Materie prime del nostro mare e della nostra terra! Ecco la nostra ricetta!

Saraghina alla griglia

Ricetta: la Piadina con la Saraghina

In passato, soprattutto il venerdì, al mercato si era soliti comperare la saraghina. La si sarebbe mangiata a cena, insieme alla piadina romagnola, ai radicchi di campo con l’aceto e a un buon bicchiere di Sangiovese. Niente altro! Ecco la ricetta di questa fantastica preparazione direttamente dalle cucine di Gregorio Grippo.

534b96c1a0f5edbb43feddec

Per i Piatti da Peschereccio, le Canocchie

Pannocchia in Abruzzo, spernocchia o sparnocchia in Campania, canocia o canoccia in Veneto o in Friuli, cicala di mare in Lazio), balestrin, sigà de mà o çigařa per la Liguria, cannocchiella e cecala in Puglia, càmbara de fangu o solegianu de mari in Sardegna, astrea, cegala de mari in Sicilia. Per noi romagnoli … semplicemente canòcia!